Verniciare/Restaurare carrozzeria – Lucido e conclusioni

banner-orizzontale

– Siamo in dirittura d’arrivo, ovvero all’applicazione del lucido.
Anche in questo caso abbiamo a che fare con un prodotto molto denso e come tale nebulizzandolo con pistola verniciatrice produce una nube di fumi non indifferente. Quindi è sconsigliato effettuare questa lavorazione in locali chiusi. –

Dopo aver amalgamato per bene catalizzatore e lucido (e acqua ragia) stendere la prima mano di prodotto dopo aver constatato che la vernice sottostante, sfiorata con un dito, non venga via.
Il lucido, così come la vernice, è necessario spruzzarlo dando la precedenza alle parti più scomode da raggiungere, alle pieghe della superficie e alle parti ‘nascoste’ del pezzo. Lo spessore dello strato di lucido non dovrà essere elevato (max 2 mm) e andrà lasciato essiccare per 24h. Uno spessore troppo elevato dello strato di lucido provocherebbe un notevole ritardo all’essiccazione della vernice sottostante (ricordiamo che la lucidatura viene eseguita a vernice umida) anche di diversi mesi, periodo sufficinte a causare urti accidentali che danneggerebbero la verniciatura finita.

A questo punto non ci tocca che rimontare tutto e valutare il risulato finale raggiunto. Qualsiasi risultato raggiungiate avrete comunque imparato qualcosa di nuovo.

N.B.
La pistola dopo ogni operazione dovrà essere pulirla e lavata con diluente alla NITRO

A lavoro ultimato è possibile intervenire sulle PICCOLE imperfezioni con la lucidatura.

torna a La colorazione

Parte 5 di 5

3 comments

  1. GE-CimmiGiak Post author

    Certo, appena terminiamo l’articolo ti invieremo il link alla guida da te richiesta, anche se ti anticipo che il sistema migliore è quello del modaiolo “car wrapping”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *