Guide, Meccanica

Modifica artigianale del sistema di scarico – Fase 2

di Giacomo Paparella


Se invece vorreste migliorare il sound è possibile agire con una modifica un pò più “invadente”, in quanto interverremo sul catalizzatore. In questo caso è necessario disporre di:

- Flex o in alternativa una fiamma ossidrica;
- Saldatrice;
- Kit chiavi inglesi;
- Cric o con un piccolo sollevatore pneumatico.

Procedere sollevando leggermente l’auto posizionando il cric in corrispondenza dello stop posteriore sinistro (proprio in prossimità del catalizzatore).
Smontare ed estrarre interamente il catalizzatore, solitamente i perni di ancoraggio sono situati a centro veicolo.
Una volta rimosso il catalizzatore, è necessario aprirlo letteralmente in due.
Quest’operazione può essere eseguita in vari modi; dissaldandolo oppure tagliandolo a metà partendo centro del lato lungo.
Con la fiamma ossidrica rimuovere tutto ciò che è presente all’interno del catalizzatore (le celle per intenderci). Fatto ciò risaldare il catalizzatore.
Applicare il terminale di scarico così come descritto nella ‘Parte 1′.
Rimontare il catalizzatore.

P.S.: prima del catalizzatore è presente un pre-filtro, è possibile sostituire anche questo componente con un tubo lineare simile a quello visto in precedenza (Parte 1). Questa modifica ulteriore favorisce la fuoriuscita dei gas incrementando sensibilmente prestazioni, sound e permette di mantenere leggermente più contenuta la temperatura del motore.

vai a Fase 1

Parte 2 di 2

    Se vuoi aggiornamenti su Modifica artigianale del sistema di scarico – Fase 2 (e non solo) inserisci la tua email nel box qui sotto ora, inoltre riceverai in regalo con la prima mail la "Prima Guida completa per principianti alla Verniciatura dell'auto!":
    * Riceverai guide, informazioni e promozioni per i tuoi motori! Non perderti questa occasione ora!

Nome

E-mail

Sito Web

Messaggio:

* Campi obbligatori