Carrozzeria, Guide

Passo Passo andiamo a cambiare colore all’auto in Car Wrapping

di Giacomo Paparella


Passiamo finalmente a stendere la pellicola in vinile sulla carrozzeria effettuando la lavorazione a piccole zone specifiche (cofani, paraurti, sportelli, specchietti, ecc). In questo caso partiremo dal cofano.

Posizioniamo la pellicola sulla parte interessata senza rimuovere il backing (protezione presente sulla parte adesiva della pellicola) e ritagliamo la parte superflua, realizzando una bozza del cofano e lasciando un margine di circa 15-20 cm.
Poniamo le calamite (in assenza del nastro adesivo) alle estremità del cofano e risvoltiamo su se stessa una metà del film rimuovendo il backing solo dalla parte risvoltata. Con questa operazione esporremo la zona incollabile del film adesivo.

Spatolare progressivamente dal centro verso l’esterno la pellicola in modo da eliminare ogni traccia d’aria. Durante tale operazione dovremo cercare di non creare tensioni all’interno del film adesivo altrimenti rischieremmo di creare pieghe e deformazioni.
Terminato il primo lato, liberiamo dalle calamite la seconda porzione e lavoriamo nel modo precedentemente descritto: risvoltare su se stessa la pellicola, rimuovere il backing e spatolare progressivamente dal centro verso l’esterno della pellicola così elimineremo ogni traccia d’aria.
In presenza di zone cave NON comprimere o modellare la pellicola perchè questa operazione verrà fatta in un secondo momento.

A questo punto con l’erogatore d’aria calda a temperatura di 200°C con movimenti regolari e continui, senza mai avvicinarsi o insistere sulle zone, scaldiamo la superficie della pellicola a distanza di circa 30 cm monitorando però che il film adesivo non superi una temperatura superficiale di 60°C. In questo momento con l’ausilio del guanto in cotone conformare la pellicola alla superficie della carrozzeria (come pieghe, imbutiture, ecc) spingendo l’aria dalle zone più interne a quelle più periferiche. Questo passaggio è eseguibile più volte nei casi in cui alcune zone non siano ancora in perfetto contato con la carrozzeria. Eventuali bolle d’aria è possibile eliminarle forandole con un ago e in seguito comprimendole con un dito in maniera da far fuoriuscire l’aria accumulatasi all’interno.

A lavoro terminato è indispensabile stabilizzare termicamente la pellicola perchè alcune aree in tensione potrebbero causare crepe e pieghe anche a lungo termine. In questo caso con l’erogatore d’aria riscaldare l’intera superficie ad una temperatura di 650°C a una distanmza di 15 cm raggiungendo una temperatura massima di 90°C rilevata sulla superficie del film.

D’ora in poi il cutter fungerà da strumento di rifinitura. La fase successiva e ultima è quella di ritagliare le parti in eccesso lasciate in precedenza. La manualità in questo caso è fondamentale!

Questo procedimento dev’essere applicato a tutte le altre zone della carrozzeria. A wrapping totalmente eseguito è doveroso ricontrollare tutto il lavoro fatto in precedenza aiutandoci con un piccolo faretto e dove vengono individuate piccole imperfezioni dovremo eliminarle.

Ah… non dimentichiamoci che il wrap è anche pensato per i cerchi in lega, ma facendo attenzione ai marciapiedi…!

Conclusioni
Questa tecnica è certamente una buona alternativa alla tradizionale verniciatura, inoltre il risparmio è la risultante dei tempi di applicazione e dei costi di manutenzione per i fastidiosi segni di usura delle normali vernici.
Le pellicole sono rimovibili lasciando intatto il colore e la verniciatura originaria.

Per curiosità, un dato molto importante soprattutto per chi possiede mezzi aziendali è che secondo ricerche le pubblicità su automezzi hanno un tasso di richiamo nei confronti di possibili clienti del 97% mentre il 96% degli intervistati ha manifestato grande interesse per la pubblicità mobile – più efficace di quella statica. Ancora, il 91% degli intervistati dà grande importanza al testo e alla grafica sugli automezzi aziendali. Quindi potrebbe rivelarsi anche un piccolo investimento per la propria attività.

P.s.:
Per chi ritiene tutto fin troppo semplice può magari avvenurarsi in lavori “ad effetto” come quello visto su Bentley Continental

torna a La preparazione del Car Wrapping

Parte 2 di 2

    Se vuoi aggiornamenti su Passo Passo andiamo a cambiare colore all’auto in Car Wrapping (e non solo) inserisci la tua email nel box qui sotto ora, inoltre riceverai in regalo con la prima mail la "Prima Guida completa per principianti alla Verniciatura dell'auto!":
    * Riceverai guide, informazioni e promozioni per i tuoi motori! Non perderti questa occasione ora!

Nome

E-mail

Sito Web

Messaggio:

* Campi obbligatori