Carrozzeria, Guide

Le Carrozzerie e il colore auto trasformate dal Car wrap

di Giacomo Paparella


Grazie alla richiesta riguardante le tecniche di verniciatura per un effetto “mimetico vegetato” approfondiamo l’argomento introducendo il modaiolo processo del car wrapping con cui è possibile – e preferibile – ottenere l’effetto di cui sopra. Il Car Wrapping nasce dall’idea di isolare e proteggere la carrozzeria dagli agenti atmosferici (chimici e fisici) e da graffi (agenti meccanici), per poi diventare vero e proprio strumento di personalizzazione.
Il principio è quello di avvolgere la carrozzeria con delle pellicole adesive in maniera del tutto similare a ciò che avviene per le pellicole oscuranti di vetri effetto privacy.
Dunque perché scegliere il carwrap?
Sicuramente è la maniera più pratica e veloce per cambiare colore all’auto ma soprattutto la preserva nel tempo e nel caso in cui volessimo cambiare nuovamente colore subito dopo l’applicazione delle pellicole queste possono essere totalmente rimosse senza danni. Non dimentichiamoci poi quante volte auto usate, meccanicamente perfette, risultano invendibili a causa di vernici poco lucide.

I materiali e gli strumenti occorrenti per una esecuzione fai da te:

il film adesivo in PVC ha uno spessore che varia da 50 micron a 120 micron studiato per essere estremamente modellabile sia su superfici piane che tondeggianti che gregate, assumendo un aspetto esattamente paragonabile al piano di vernice tradizionale oltrechè danno la possibilità di creare effetti tridimensionali. Il costo della singola pellicola varia a seconda delle dimensioni:
20x30cm=7 euro; 50×37,5cm=15 euro; 50x75cm=24 euro; 50x152cm=35 euro; 100x75cm=32 euro; 100x152cm=55 euro; 200×152 cm=100 euro; Scelta la tipologia e colorazione della pellicola (mimetica vegetata per tornare alla guida suddetta) vediamo di quali altri strumenti abbiamo bisogno.

Magneti di sostegno delle pellicole: hanno la funzione di sostenere temporaneamente la pellicola durante la lavorazione applicandole man mano sulla carrozzeria;

Spatola flessibile per guarnizioni e vetri: essenziale per stendere la pellicola su tutte le parti, compresi angoli o zone cave;
Cutter con lama a 30°;

Erogatore d’aria calda (phon) a 650°C (costa circa 20 €);

Termometro ad infrarossi;

Guanti in cotone.

Preparazione delle lavorazioni: a materiali e strumenti pronti è necessario detergere accuratamente tutta la superficie dell’auto ed ogni altra superficie su cui poseremo – anche temporaneamente – le pellicole (carrellini, banchi di lavoro, scaffali, ecc) meglio ancora se trattati con sgrassante antisiliconico. Fatto ciò assicuriamoci che la carrozzeria non presenti bozzi di alcun genere, in caso contrario dovremo rimuovere preventivamente tali ammaccature. Per maggiore comodità durate la lavorazione è preferibile smontare maniglie, fasce para colpi, frecce, stemmi, guarnizioni e quant’altro potrebbe rallentare le operazioni poichè prossimità di esse è necessario avere maggior attenzione.
Infine controlliamo sia la temperatura ambientale che della carrozzeria che non devono risultare inferiori a 10°C, mentre quella della sola carrozzeria non dovrà supererare i 22°C. Quindi meglio lavorare in un locale chiuso.



Parte 1 di 2

    Se vuoi aggiornamenti su Le Carrozzerie e il colore auto trasformate dal Car wrap (e non solo) inserisci la tua email nel box qui sotto ora, inoltre riceverai in regalo con la prima mail la "Prima Guida completa per principianti alla Verniciatura dell'auto!":
    * Riceverai guide, informazioni e promozioni per i tuoi motori! Non perderti questa occasione ora!

Nome

E-mail

Sito Web

Messaggio:

* Campi obbligatori