Guide, Manutenzione Auto

Come si esegue un cambio olio motore “fai da te”

di Giacomo Paparella


Sempre più spesso nasce l’esigenza di dover affrontare da se alcune operazioni riguardanti la manutenzione ordinaria della propria auto. Fra queste è certamente uno dei quesiti più cercati in rete quello relativo al così detto “cambio olio”. E’ opportuno effettuare questa operazione ogni 10-20 mila km circa, solitamente è segnato sul libretto di uso e manutenzione (chi presta cure maniacali alla propria auto scende persino a 6 mila km).

Questa operazione non richiede particolari conoscenze, spesso però se non si hanno a disposizione gli attrezzi giusti, il lavoro può complicarsi più del previsto.

Prima di tutto, per eseguire un buon cambio olio occorrono:
1) chiave a catena (a sinistra, è indispensabile per poter smontare il filtro dell’olio);

2) Chiave inglese necessaria per smontare i perni della sottocoppa, solitamente è la numero 19, ma può variare da modello a modello (su alcuni è presente addirittura quella esagonale);

3) Contenitore a pareti basse che possa contenere tutta la quantità di olio esausto (calcolare mediamente di dover contenere 2 litri di olio per ogni cilindro, quindi un motore a 4 cilindri= 8 litri di capacità minima del contenitore);

4) Olio e filti nuovi ovviamente. Per auto di recente costruzione si consiglia l’olio totalmente sintetico anche se leggermente più costoso (circa 7 € al litro), mentre sapere quale filtro è possibile installare è necessario recarsi dal ricambista direttamente con libretto alla mano;

5) Il modo più comodo per eseguire l’operazione è sicuramente con l’ausilio di un ponte idraulico, ma non disponendo di questa attrezzatura, è bene munirsi di una tavolozza in legno o un panno di stoffa di dimensioni tali da consentire di stendersi su (magari coperte o lenzuola non più utilizzate).

Per un lavoro a regola d’arte eseguire il cambio olio a motore caldo, senza esagerare perchè come è comprensibile, è molto facile scaldarsi.
Il primo passaggio è quello di rimozione del tappo della sottocoppa.
Per questa operazione è necessaro calarsi in corrispondenza del motore dopodiché, osservando verso l’alto noterete il perno che funge da tappo per l’olio. E’ proprio questo che si dovrà rimuovere (il perno potrebbe trovarsi in una zona ‘nascosta’ alla vista, ma sicuramente sarà situato nella parte più bassa della sottocoppa).

Una volta identificato svitarlo leggermente senza però rimuoverlo totalmente. Posizionarsi poi fuori dal sottoscocca dell’auto e inserirvi, in corrispondenza del tappo, il recipiente suddetto. Ora è possibile rimuovere del tutto il perno e lasciar defluire l’olio esausto assicurandosi di aver sollevato l’astina di segnalazione del livello dell’olio. Dopodichè attendere circa 15 minuti.

Nel frattempo è possibile sostituire il filtro dell’olio a cartuccia posizionato solitamente a metà dell’altezza del motore ed in prossimità del perimetro della sottocoppa. E’ necessario l’ausilio della chiave a catena per questa operazione.
Anche il filtro contiene una minima quantità d’olio all’interno, per cui immetterlo nel contenitore dell’olio esausto.

Montare il nuovo filtro dopo aver lubrificato abbondandemente (anche con olio esausto) la guarnizione a contatto con il “supporto del filtro dell’olio” (da cui in precedenza si è smontato). Una volta avvitato serrarlo a mani asciutte (non serrare con chiave a catena).

Ora è possibile rimontare il perno della sottocoppa e serrarlo con chiave apposita.
Rimane solo versare l’olio acquistato. Questo passaggio è possibile tramite l’apposito tappo presente alla testa del motore facilmente identificabile dalla dicitura “OIL”.

Per calcolare velocemente la quantità d’olio necessario all’interno del motore, considerare circa 1,25 litri per cilindro su auto di piccola cilindrata (ad esempio per un 1200 cc 4 cilindri, il calcolo è: 1,25 x 4 = 5 litri di olio). Mentre 1,75 litri per cilindro su auto di grossa cilindrata (dai 2000 cc in poi). Si sconsiglia, comunque, di eseguire il calcolo e di non immettere direttamente tutta la quantità risultante dall’operazione, ma tramite l’astina di livello, constatare man mano che l’olio versato non ecceda di quantità.

N.B.
- Sull’astina di controllo del livello dell’olio sono incisi 2 piccoli segnali orizzontali. Quello più vicino alla fine dell’astina indica il livello minimo, mentre quello sovrastante sta ad indicare il livello massimo d’olio. L’intervallo fra i due seganli eqivale a di circa 0.7-1 litri d’olio.
- L’olio esausto deve essere conservato in recipienti facilmente richiudibili. Consegnato a ditte specializzate nella raccolta di oli esausti o semplicemente in officine/auto demolizioni i quali provvederanno allo smaltimento.

    Se vuoi aggiornamenti su Come si esegue un cambio olio motore “fai da te” (e non solo) inserisci la tua email nel box qui sotto ora, inoltre riceverai in regalo con la prima mail la "Prima Guida completa per principianti alla Verniciatura dell'auto!":
    * Riceverai guide, informazioni e promozioni per i tuoi motori! Non perderti questa occasione ora!

Nome

E-mail

Sito Web

Messaggio:

* Campi obbligatori