Carrozzeria, Guide

Carrozzeria: gli attrezzi del mestiere

di Giacomo Paparella


banner-orizzontale

Questo articolo nasce con l’obiettivo di descrivere e dare un idea su quali sono i minimi prodotti e piccole attrezzatura da possedere nel momenti in cui vogliate effettuare piccoli e grandi lavorazioni su carrozzeria. Ovviamente in un’officina vera e propria sono presenti molte altre attrezzature, più pesanti e costose, ma per piccoli e medi lavoretti, in linea di massima, bastano questi sotto riportati.

Fogli giornale
Utilizzati per ricoprire superfici sulle quali non si vuol verniciare.
Nastro adesivo di carta
Spatole metalliche
Utilizzata per stendere stucco e resina. Possono essere adoperate anche per eliminare vernice degradata e rigonfia.
Carta vetro
Utilizzata in moltissimi ambiti lavorativi. Può essere di tipo ad acqua o a secco. Nel primo caso il carteggio viene accompagnato lubrificato la superficie con acqua limpida.
Ha diverse dimensioni di grana. Maggiore è il valore della grana (riportato sul retro del rotolo stesso) più piccoli e superficiali saranno i righi che essa lascia, viceversa se il valore della grana è piccolo, i righi saranno più profondi e riempibili con dello stucco.
Da grana 20 a 100 si definisce carta vetro.
Da grana 120 a 2500 si definisce carta abrasiva.
Catalizzatore (o induritore)
Componente l’essiccazione di stucco, vernice, fondo riempitivo, trasparente e resina.
Tipologie di induritori ce ne sono molte, dai liquidi ai solidi, ma per ogni prodotto vi è il catalizzatore specifico.
Stucco
Pasta avente lo scopo di ricoprire e nascondere bozzi e graffi profondi. E’ una sostanza bi-componente in quanto prima dell’applicazione va mascolata con un catalizzatore apposito. Di solito viene steso sulla superficie con l’ausilio di due spatole. Il rapporto stucco-catalizzatore è di una noce di stucco per un chicco di caffè di catalizzatore.
Stucco per metalli
Si differenzia dallo stucco tradizionale in quanto è appositamente pensato per l’utilizzo su metalli. L’applicazione resta la stessa.
Panno antipolvere
E’ un panno viscoso che utilizzato su tutta la superficie, subito prima di applicare la verniciare, elimina polvere ed impurità dalla carrozzeria.
Pulitore anti-silicio
E’ un liquido che versato su un panno e successivamente sfregato sulla superficie da verniciare, elimina grassi e sostanze siliciche (si ricorda che in presenza di queste ultime è SCONSIGLIATO verniciare)
Fondo riempitivo
Questa particolare vernice ha la caratteristica di ancorarsi ai pori di stucco e di carrozzeria. In commercio ce ne sono una grande varietà, ottimi sono quelli che richiedono l’aggiunta di catalizzatore. E’ bene utilizzare un fondo di colorazione quanto più possibile simile alla tinta della vernice che andremo ad applicare.
Vetroresina
Questo prodotto, solitamente venduto in kit, è utilizzato per riparazi, modifica, creazioni di parti plastiche e per la chiusura di fori di piccole dimensioni su superfici metalliche.
Il kit comprende 1 barattolo di resina liquida, solitamente da chilo, un panno di circa 1 mq di tessuto non tessuto, catalizzatore adatto e un pennello.
Per quantitativi superiori di resina è possibile acquistare barattoli da 5 kg, in questo caso il panno sarà venduto separatamente al mq. La preparazione avvine prima carteggiando la superficie da trattare con carta vetro di grana 40. Poi in base alla quantità di cui necessitiamo, versare la resina liquida in un contenitore METALLICO (quelli plastici potrebbero sciogliersi al momento della reazione dei componenti). Dopo di che aggiungere circa il 15 % di catalizzatore, mischiare uniformemente il tutto e col pennello applicare la resina sulla superficie da trattare. Subito dopo, stendere il panno di tessuto nom tessuto ricoprendo tutta la superficie precedentemente pennellata e applicare un ultima mano di resina liquida. Questi passaggi se ripetuti più volte danno maggior resistenza meccanica alla resina. Utilizzare sempre guanti ed evitare il contatto con gli occhi. Costo: 15 € circa al Kg.
Resina in pasta
Simile alla resina liquida, differenziandosi nella composizione e nell’applicazione. Ha un costo minore e una resistenza meccanica più bassa.
Aerografo
In gergo è chiamato “pistola”. Questo strumento indispensabile consente di nebulizzare la vernice presente nel serbatoio.
In commercio ne esistono tantissimi modelli. Distinti essenzialmente per il prezzo che oscilla da 20 a 2000 € circa. Il prezzo è quello che determina la qualità. (per un uso non professionale è sufficiente spendere 40-50 €)
Polish e cera
E’ una particolare sostanza allo stato liquido la cui funzione è quella ripristinare la lucentezza su vernice vecchia e opacizzata. Le tipologie sono:
Polish standard: da utilizzarsi dopo aver applicato la pasta abrasiva. Elimina piccoli graffi che quest’ultima lascia.
Polish extrafine: ridona lucentezza, eliminando tutti i tipi di graffi lasciati del precedente prodotto.
Cera: pasta che, periodicamente utilizzata sulla carrozzeria, mantiene la lucentezza nel tempo e protegge la vernice sia dai raggi solari diretti che dagli acidi rilasciati dagli insetti sulla carrozzeria.

    Se vuoi aggiornamenti su Carrozzeria: gli attrezzi del mestiere (e non solo) inserisci la tua email nel box qui sotto ora, inoltre riceverai in regalo con la prima mail la "Prima Guida completa per principianti alla Verniciatura dell'auto!":
    * Riceverai guide, informazioni e promozioni per i tuoi motori! Non perderti questa occasione ora!

Nome

E-mail

Sito Web

Messaggio:

* Campi obbligatori